Pasqua 2018

Pasqua2018

Se la carità si fosse spenta o affievolita nel nostro cuore, la Quaresima è una nuova occasione che il Signore ci offre per ricominciare ad amare. È quanto papa Francesco scrive, in sintesi, nel suo messaggio per questo tempo che stiamo vivendo. Ne riportiamo qualche espressione particolarmente significativa per noi.

“…L’esercizio dell’elemosina, insieme al digiuno e alla preghiera, ci libera dall’avidità e ci aiuta a scoprire che l’altro è mio fratello: ciò che ho non è mai solo mio. Come vorrei che l’elemosina si tramutasse per tutti in un vero e proprio stile di vita! Come vorrei che, in quanto cristiani, seguissimo l’esempio degli Apostoli e vedessimo nella possibilità di condividere con gli altri i nostri beni una testimonianza concreta della comunione che viviamo nella Chiesa. A questo proposito faccio mia l’esortazione di san Paolo, quando invitava i Corinti alla colletta per la comunità di Gerusalemme: «Si tratta di cosa vantaggiosa per voi» (2 Cor 8,10).

Questo vale in modo speciale nella Quaresima, durante la quale molti organismi raccolgono collette a favore di Chiese e popolazioni in difficoltà. Ma come vorrei che anche nei nostri rapporti quotidiani, davanti a ogni fratello che ci chiede un aiuto, noi pensassimo che lì c’è un appello della divina Provvidenza: ogni elemosina è un’occasione per prendere parte alla Provvidenza di Dio verso i suoi figli; e se Egli oggi si serve di me per aiutare un fratello, come domani non provvederà anche alle mie necessità, Lui che non si lascia vincere in generosità?”

La carità come stile di vita …è quanto p. Mario Pesce ha proposto fin dall’inizio ed è quello che noi e voi, amici del Gruppo India, insieme vogliamo continuare a vivere con sempre più impegno. In queste pagine vi proponiamo un nuovo rapido “giro del mondo” tra alcune delle realtà aiutate e da aiutare.

Viaggio in Bangladesh – novembre 2017

Partiamo da un viaggio reale, l’ultimo dei tanti che alcuni volontari del Comitato Gruppo India effettuano (sempre a proprie spese) per conoscere più da vicino le varie realtà missionarie, verificare i progetti in atto, studiare il modo migliore per ulteriori interventi. La meta è il Bangladesh, pochi giorni prima del viaggio del Papa in questa terra, e ha toccato quasi tutti i punti aiutati dal Gruppo India.

Istruzione nella grande piantagione di tè (Sylhet). La terra è delle grandi multinazionali del tè e i braccianti sono pagati meno di 1 euro per 12 ore di lavoro. Vivono in una vasta area, dispersi in piccoli villaggi lontani chilometri e chilometri dalle scuole. Padre Toppo, nativo di questa zona, svolge un intenso lavoro nella zona girando tra i villaggi per portare ovunque il sostegno scolastico necessario. “Le anziane di uno sperduto villaggio, saputo che ero la ‘postina’ degli italiani, con mio grande imbarazzo mi hanno lavato, profumato e baciato i piedi in segno di riconoscenza per tutti voi”. Così ha raccontato Luisa Bracco, volontaria.

Scuole e ostelli a Kellabari e Dinajpur. Cittadine ai confini con l’India. Zona tanto povera! Le misere baracche sono costruite lungo corsi d’acqua diventate fogne e scarichi a cielo aperto. La povertà estrema è sofferta soprattutto dai più piccoli. Ma… li riconoscereste? Gli stessi bambini e bambine, grazie alle adozioni-borse di studio, frequentano la scuola delle Suore di Maria Bambina, dove possono lavarsi, usare i servizi igienici, mangiare, avere una divisa, libri, insegnanti, ecc. I loro sorrisi, la gratitudine dei genitori e le preghiere dei missionari sono per voi.

A tutti l’augurio sincero di una serena e Buona Pasqua

e di una carità “inventiva” fino all’infinito!

Leggi la newsletter completa! (formato PDF)

India, Guntur: altri 10 chioschi per l’autonomia

Guntur microimprese_08Si è ormai concluso anche il secondo progetto di microcredito per rendere autonome le persone con disabilità a Guntur (Andhra Pradesh, India). Un primo progetto era stato realizzato nel 2014 e visto il buon risultato è stato riproposto con le stesse modalità a distanza di tre anni.

Ne hanno beneficiato 10 persone tra i 18 e 35 anni, che hanno dapprima seguito dei corsi di gestione aziendale e legislazione e poi sono stati aiutati a scegliere in quale settore commerciale avviare la propria impresa, a installare il chiosco e comprare le merci per iniziare l’attività. Ora tutti e 10 hanno raggiunto un’autonomia economica, ma sono continuamente seguiti dal servizio diocesano che ha organizzato il tutto e richiesto il nostro supporto economico per monitorare l’esito del progetto.

Grazie a tutti coloro che hanno collaborato!

Guntur microimprese_14 Guntur microimprese_01 Guntur microimprese_09

Trasmissioni su TV2000 – i link

Bangladesh viaggio 2017Dal 10 al 18 novembre una giornalista e un operatore di TV2000 (Solen de Luca e Danilo Proietti) hanno accompagnato il Gruppo India in una delle tante visite ai missionari che sosteniamo in ogni angolo del mondo. Questa è stata la volta del Bangladesh, in attesa della visita di papa Francesco.

Il materiale girato è servito a preparare un reportage sul Bangladesh e sul Gruppo India andato in onda su TV2000 lunedì 4 dicembre durante la trasmissione “Today” (condotta da Andrea Sarubbi). Chi non ha potuto seguire il programma può vederlo qui.

Inoltre, giovedì 30 novembre l’arrivo del Papa in Bangladesh è stato  seguito nel corso della trasmissione “Speciale Il Diario di papa Francesco“; ospite del programma Solen De Luca, la giornalista che ha visitato il Paese con il Gruppo India. Ecco il link per quanti non avessero potuto vedere la trasmissione.

 

Thokavaripalem, India: acqua e toilette per la scuola

India Guntur Thokavaripalem 15A fine 2016 vi avevamo parlato di Thokavaripalem, una piccola missione nella Diocesi di Guntur, Andhra Pradesh. La scuola della missione, unica struttura educativa anche per i villaggi vicini, non disponeva di acqua e servizi igienici.

Siamo felici di informarmi che il progetto è stato completato! Con il vostro generoso aiuto, subito trasmesso a Thokavaripalem, hanno potuto installare i sanitari (due toilette e urinali) e provvedere acqua potabile, grazie a un sistema a osmosi inversa da 500 litri. Così i maggiori problemi della scuola sono ora risolti:

Vi ringraziamo con gratitudine per i vostri sacrifici e abbiamo spinto i nostri ragazzi a pregare per tutti i donatori che hanno reso possibile questo regalo. Ora la scuola è più confortevole per i bambini e sono ridotti i rischi di malattie. Migliorando le condizioni igieniche di vita, diamo a questi poveri bambini una migliore educazione.” (p. Gundiga Jojappa)

Un valore aggiunto di questo progetto è che tutti i tecnici coinvolti nel progetto erano disponibili in zona e sono stati aiutati dalla popolazione locale. Essere del posto, ha spinto tutti a un maggior impegno: lavoravano per il bene dei loro figli! Inoltre ognuno di loro ha ricevuto il giusto compenso.

Vogliamo ancora una volta ringraziarvi sinceramente per il vostro tempestivo intervento che ha dotato la scuola di ciò che le era indispensabile. Possa il Signore benedire ogni benefattore con generosità.” (p. Gundiga Jojappa)

India Guntur Thokavaripalem 10 India Guntur Thokavaripalem 14 India Guntur Thokavaripalem 17 India Guntur Thokavaripalem 16 India Guntur Thokavaripalem 13

Delhi (India): migliorare la vita negli slum

India Dheli gesuiti Bawana_06Vivere in una baraccopoli a Delhi non è certo facile e già da alcuni anni i gesuiti sono a fianco degli abitanti con vari progetti di aiuto. Il programma “Empowerment of the slum dwellers through skill training, awareness programs and remedial coaching” (Responsabilizzazione degli abitanti della baraccopoli attraverso formazione di abilità, programmi di sensibilizzazione e azioni correttive) sta già portando buoni risultati e vogliamo finanziarlo per un altro triennio (prog. 528S).

Ecco alcuni esempi di come si interviene per migliorare la vita delle persone più povere economicamente e socialmente marginalizzate. Continua a leggere

Soddo (Etiopia): un alloggio per i catechisti

Etiopia Soddo dormitorio_03L’intera attività pastorale del vicariato di Soddo non sarebbe possibile senza i catechisti, che si dedicano a diffondere e a condividere la gioia del Vangelo con la loro testimonianza a gruppi e persone senza discriminazione di razza, etnia e religione. Sono sacerdoti, religiosi (uomini e donne), catechisti e associazioni laiche.

Sono persone chiave nell’attività del Vicariato e meritano tutta la nostra cura e attenzione nella loro formazione e nel loro mantenimento“.         (A.Tsegaye Keneni, Vicario Apostolico)

Diamo una mano a ristrutturare un vecchio capannone per accogliere i catechisti!

(Prog. 805D) Continua a leggere

Dindigul (India): un pozzo per il college

India TN Dindigul 842_05È con immensa gioia e gratitudine al Gruppo India, che vi racconto della costruzione dell’impianto di acqua potabile per il College di Arti e Scienze del Sacro Cuore. L’approvvigionamento sicuro e adeguato di acqua potabile è sempre stato un problema in tutto il mondo ed è ancor più sentito nelle nazioni in via di sviluppo come l’India. Sia le aree urbane che quelle rurali soffrono di questo problema, e tra queste il villaggio di Reddiapatty nel distretto di Dindigul, nel Tamil Nadu, che ospita il College.

Brother M. Velankanni Ravi SHJ
Procuratore Generale

Continua a leggere

Shiré (Etiopia): giovani donne in azione

Shire - Meheret e Giday preparano il vassoio
A Pasqua 2014 il Gruppo India aveva lanciato un appello per una cooperativa di donne che desiderava avviare una pasticceria a Shirè (Etiopia). Ora è stato aperto un piccolo locale con bar, pasticceria e tavola calda, gestito dalle donne della promozione femminile seguite dalle suore di S. Giovanna Antida. Le ragazze si stanno organizzando molto bene, suddividendo i compiti tra parecchie di loro.
5x1000 lungo_01

Continua a leggere

Le nostre coordinate bancarie

Ricordiamo a tutti che la Banca Popolare di Bergamo è diventata UBI Banca S.p.A. (dal 20/02/2017). Questo ha comportato il cambiamento delle coordinate IBAN:

IT33 Q031 1103 2240 0000 0005 001

BIC (o codice swift): BLOPIT22

Per un certo periodo sono rimaste valide anche le vecchie coordinate ma ora queste non sono più attive. Purtroppo non abbiamo modo di sapere quanti continuano a usare le vecchie coordinate e quanti già utilizzano le nuove, quindi rivolgiamo a tutti quanti inviano offerte tramite bonifico bancario l’appello di utilizzare il nuovo IBAN. Ricordiamo che è importante indicare sempre nella causale del bonifico il proprio nome, cognome e indirizzo (oltre al progetto che si desidera sostenere).

Non cambia nulla, invece, per quanti inviano tramite bollettino postale. Grazie a tutti per la collaborazione!

Ci regali il tuo 5 per 1000?

5x1000_2017Per devolvere il tuo 5×1000 a favore del GRUPPO INDIA ONLUS, nella dichiarazione dei redditi – modelli CUD, UNICO o 730 – firma nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale” e riporta il codice fiscale del GRUPPO INDIA:

 

97083850582

Diffondi l’iniziativa tra i tuoi familiari e amici. Grazie!

 

Un modo per aiutare che non ti costa nulla!

Scarica il volantino e coinvolgi colleghi, amici, parenti… Più siamo, più riusciremo a fare!