Natale 2017

Natale2017«Se vogliamo festeggiare il vero Natale, se vogliamo incontrare il Bambino che nasce, è lì, in quella mangiatoia che dobbiamo guardare, bisogna andare lì, dove Egli sta». E non basta, perché quel Bambino che nasce ci interpella, mette in discussione il nostro modo di essere e di vivere. Così rifletteva Papa Francesco nella Messa di Natale dello scorso anno.

Ma non è solo Gesù il bambino davanti al quale dobbiamo metterci in discussione. In un mondo in cui l’infanzia continua a essere violata in tanti modi diversi, il Papa porta all’attenzione di tutti noi, i tanti bambini cui dobbiamo guardare: «Lasciamoci interpellare dal Bambino nella mangiatoia, ma lasciamoci interpellare anche dai bambini che, oggi, giacciono nelle squallide “mangiatoie di dignità”: nei rifugi sotterranei per scampare ai bombardamenti, sul marciapiede di una grande città, sul fondo di un barcone sovraccarico di migranti. Lasciamoci interpellare dai bambini che non vengono lasciati nascere, da quelli che piangono perché nessuno sazia la loro fame, da quelli che non tengono in mano giocattoli ma armi».

Papa Francesco ci esorta, quindi, a uscire dall’indifferenza in cui spesso cadiamo, travolti da una vita quotidiana troppo affannata che non ci permette di accorgerci nemmeno di chi ci è vicino, come è successo a Gesù che: «…nasce rifiutato da alcuni e nell’indifferenza dei più. Anche oggi ci può essere la stessa indifferenza, quando Natale diventa una festa dove i protagonisti siamo noi, anziché Lui; quando le luci del commercio gettano nell’ombra la luce di Dio: quando ci affanniamo per i regali e restiamo insensibili a chi è emarginato. Questa mondanità ci ha preso in ostaggio il Natale; bisogna liberarlo!».

Incontrare Gesù significa riconoscerlo nei “piccoli” del mondo, in tutti quelli che sono considerati scarto. È questo l’unico modo di rendere vivo e attuale il Natale. Il Gruppo India è nato nel Natale 1980 dopo che Padre Pesce e 15 giovani suoi alunni, decisero di vivere questo “incontro” in India. Fu proprio quello “scontro” diretto con la povertà che aprì i loro occhi e i loro cuori, e che, ancora oggi, interpella tutti noi che formiamo la grande famiglia del Gruppo India. In queste pagine – insieme alle più recenti richieste di aiuto che attendono una risposta – riportiamo alcune delle tante iniziative che sosteniamo regolarmente in oltre 30 Paesi del mondo, soprattutto attraverso le Adozioni – Borse di Studio. Altre le troverete (a breve) nel nostro sito internet rinnovato. Possiamo assicurare che ogni euro donato è utilizzato al meglio… eppure non sempre è facile mantenere gli impegni assunti con migliaia di bambini e con le loro famiglie. Ci affidiamo alla generosità, all’inventiva e all’impegno di tutti per cercare di coinvolgere altri, certi che Dio, attraverso noi, continuerà a fare cose grandi che cambiano il mondo.

A tutti l’augurio sincero di Buon Natale e di un sereno Anno 2018!

Leggi la newsletter completa! (formato PDF)

Trasmissioni su TV2000 – i link

Bangladesh viaggio 2017Dal 10 al 18 novembre una giornalista e un operatore di TV2000 (Solen de Luca e Danilo Proietti) hanno accompagnato il Gruppo India in una delle tante visite ai missionari che sosteniamo in ogni angolo del mondo. Questa è stata la volta del Bangladesh, in attesa della visita di papa Francesco.

Il materiale girato è servito a preparare un reportage sul Bangladesh e sul Gruppo India andato in onda su TV2000 lunedì 4 dicembre durante la trasmissione “Today” (condotta da Andrea Sarubbi). Chi non ha potuto seguire il programma può vederlo qui.

Inoltre, giovedì 30 novembre l’arrivo del Papa in Bangladesh è stato  seguito nel corso della trasmissione “Speciale Il Diario di papa Francesco“; ospite del programma Solen De Luca, la giornalista che ha visitato il Paese con il Gruppo India. Ecco il link per quanti non avessero potuto vedere la trasmissione.

 

Thokavaripalem, India: acqua e toilette per la scuola

India Guntur Thokavaripalem 15A fine 2016 vi avevamo parlato di Thokavaripalem, una piccola missione nella Diocesi di Guntur, Andhra Pradesh. La scuola della missione, unica struttura educativa anche per i villaggi vicini, non disponeva di acqua e servizi igienici.

Siamo felici di informarmi che il progetto è stato completato! Con il vostro generoso aiuto, subito trasmesso a Thokavaripalem, hanno potuto installare i sanitari (due toilette e urinali) e provvedere acqua potabile, grazie a un sistema a osmosi inversa da 500 litri. Così i maggiori problemi della scuola sono ora risolti:

Vi ringraziamo con gratitudine per i vostri sacrifici e abbiamo spinto i nostri ragazzi a pregare per tutti i donatori che hanno reso possibile questo regalo. Ora la scuola è più confortevole per i bambini e sono ridotti i rischi di malattie. Migliorando le condizioni igieniche di vita, diamo a questi poveri bambini una migliore educazione.” (p. Gundiga Jojappa)

Un valore aggiunto di questo progetto è che tutti i tecnici coinvolti nel progetto erano disponibili in zona e sono stati aiutati dalla popolazione locale. Essere del posto, ha spinto tutti a un maggior impegno: lavoravano per il bene dei loro figli! Inoltre ognuno di loro ha ricevuto il giusto compenso.

Vogliamo ancora una volta ringraziarvi sinceramente per il vostro tempestivo intervento che ha dotato la scuola di ciò che le era indispensabile. Possa il Signore benedire ogni benefattore con generosità.” (p. Gundiga Jojappa)

India Guntur Thokavaripalem 10 India Guntur Thokavaripalem 14 India Guntur Thokavaripalem 17 India Guntur Thokavaripalem 16 India Guntur Thokavaripalem 13

Delhi (India): migliorare la vita negli slum

India Dheli gesuiti Bawana_06Vivere in una baraccopoli a Delhi non è certo facile e già da alcuni anni i gesuiti sono a fianco degli abitanti con vari progetti di aiuto. Il programma “Empowerment of the slum dwellers through skill training, awareness programs and remedial coaching” (Responsabilizzazione degli abitanti della baraccopoli attraverso formazione di abilità, programmi di sensibilizzazione e azioni correttive) sta già portando buoni risultati e vogliamo finanziarlo per un altro triennio (prog. 528S).

Ecco alcuni esempi di come si interviene per migliorare la vita delle persone più povere economicamente e socialmente marginalizzate. Continua a leggere

Soddo (Etiopia): un alloggio per i catechisti

Etiopia Soddo dormitorio_03L’intera attività pastorale del vicariato di Soddo non sarebbe possibile senza i catechisti, che si dedicano a diffondere e a condividere la gioia del Vangelo con la loro testimonianza a gruppi e persone senza discriminazione di razza, etnia e religione. Sono sacerdoti, religiosi (uomini e donne), catechisti e associazioni laiche.

Sono persone chiave nell’attività del Vicariato e meritano tutta la nostra cura e attenzione nella loro formazione e nel loro mantenimento“.         (A.Tsegaye Keneni, Vicario Apostolico)

Diamo una mano a ristrutturare un vecchio capannone per accogliere i catechisti!

(Prog. 805D) Continua a leggere

Dindigul (India): un pozzo per il college

India TN Dindigul 842_05È con immensa gioia e gratitudine al Gruppo India, che vi racconto della costruzione dell’impianto di acqua potabile per il College di Arti e Scienze del Sacro Cuore. L’approvvigionamento sicuro e adeguato di acqua potabile è sempre stato un problema in tutto il mondo ed è ancor più sentito nelle nazioni in via di sviluppo come l’India. Sia le aree urbane che quelle rurali soffrono di questo problema, e tra queste il villaggio di Reddiapatty nel distretto di Dindigul, nel Tamil Nadu, che ospita il College.

Brother M. Velankanni Ravi SHJ
Procuratore Generale

Continua a leggere

Shiré (Etiopia): giovani donne in azione

Shire - Meheret e Giday preparano il vassoio
A Pasqua 2014 il Gruppo India aveva lanciato un appello per una cooperativa di donne che desiderava avviare una pasticceria a Shirè (Etiopia). Ora è stato aperto un piccolo locale con bar, pasticceria e tavola calda, gestito dalle donne della promozione femminile seguite dalle suore di S. Giovanna Antida. Le ragazze si stanno organizzando molto bene, suddividendo i compiti tra parecchie di loro.
5x1000 lungo_01

Continua a leggere

Le nostre coordinate bancarie

Ricordiamo a tutti che la Banca Popolare di Bergamo è diventata UBI Banca S.p.A. (dal 20/02/2017). Questo ha comportato il cambiamento delle coordinate IBAN:

IT33 Q031 1103 2240 0000 0005 001

BIC (o codice swift): BLOPIT22

Per un certo periodo sono rimaste valide anche le vecchie coordinate (che iniziavano con IT32) ma ora queste non sono più attive. Purtroppo non abbiamo modo di sapere quanti continuano a usare le vecchie coordinate e quanti già utilizzano le nuove, quindi rivolgiamo a tutti quanti inviano offerte tramite bonifico bancario l’appello di utilizzare il nuovo IBAN. Ricordiamo che è importante indicare sempre nella causale del bonifico il proprio nome, cognome e indirizzo (oltre al progetto che si desidera sostenere).

Non cambia nulla, invece, per quanti inviano tramite bollettino postale. Grazie a tutti per la collaborazione!

Tanzania, Bukoba: sostegno alimentare per il college Bakhita

340 Tanzania Bukoba_08Le suore canossiane a Bukoba (Tanzania) ospitano ragazze che altrimenti sarebbero costrette a lasciare ogni possibilità di istruzione già prima dei 12 anni ed essere sfruttare (anche sessualmente). Il college dà invece loro modo di continuare a studiare e formarsi in cucito, maglieria, segretariato o in altri campi.

Da tempo però la regione di Kagera è colpita da una grave siccità, e la già critica situazione si è aggravata a settembre 2016 per un forte terremoto. Ora le suore non riescono più a far fronte all’aumento dei prezzi dei generi alimentari e ci chiedono un aiuto economico straordinario (Prog. 340E). Continua a leggere

Purnea (India): installato il nuovo generatore!

Generatore PurneaVi ricordate i bambini di Purnea (Bihar, India) che desideravano sfruttare anche le ore serali per lo studio? Al loro rientro dopo le vacanze estive troveranno il generatore installato e la discontinuità dell’erogazione della corrente elettrica non sarà più un problema!

Noi tutti sappiamo quanto sia importante che i ragazzi studino dopo le lezioni per completare i compiti e ripassare le varie materie. Ora tutto ciò è possibile grazie al vostro supporto, giunto sotto forma di un generatore.

La comunità dell’ostello “St. Peter’s Boys” vi augura una buona salute e la diocesi di Purnea vi è veramente grata per il vostro amore e aiuto.

Con le mie preghiere e benedizioni, sinceramente vostro
Mons. Angelus Kujur s.j.
(Vescovo di Purnea)