Ciad

Il Centro Nutrizionale di Goundi (Ciad)

874 Ciad Goundi_18Ogni giorno nel Centro Nutrizionale di Goundi, gestito dalle Suore della Carità di S. Giovanna Antida, circa 80/90 bambini malnutriti ricevono cibo adeguato alla loro condizione, medicine e cure. Chi guarisce lascia il posto ad altri bambini che il vicino ospedale dichiara in stato di malnutrizione.

E ci sono anche circa 25/28 piccoli orfani di mamma. Quando una mamma muore di parto o di malattia, i bambini  sono accolti nel Centro, insieme a una nonna o a una sorellina o fratellino più grandi. Qui ricevono latte e cure fino a circa due anni di età, poi potranno rientrare nella loro famiglia e crescere nel villaggio d’origine.

Ecco che cosa ci scrive sr Bernadette, responsabile del Centro… Continua a leggere

Autunno 2016

ADOZIONE – BORSA DI STUDIO

autunno2016_1

Per tantissimi bambini, ragazzi e ragazze la reale possibilità di andare a scuola, di vivere un’infanzia serena e di poter sognare un futuro migliore.
Da tutto il mondo essi gridano a tutti la loro gioia e il loro

 GRANDE GRAZIE!

 Grazie a tutti voi che siete già coinvolti in questa iniziativa.
Grazie a chi, raccontando il proprio impegno, permetterà a colleghi, amici e conoscenti di vivere anche loro questa bella esperienza.
L’avventura continua!
Milioni di bambini contano
ancora su di noi!

Ci hai mai pensato?

ANCHE TU PUOI!…

L’adozione – borsa di studio, lanciata 35 anni fa da p. Mario Pesce sj, ha da sempre posto al centro lo spirito di fraternità e carità cristiana: non si tratta soltanto di un invito a contribuire economicamente ai bisogni di milioni di bambini che non hanno accesso all’istruzione, al cibo e ai beni di prima necessità, ma di convertire il nostro cuore all’amore verso l’altro lontano e sconosciuto. Un messaggio tanto più attuale in questi anni, nei quali i flussi migratori dagli accenti sempre più drammatici interpellano in modo sempre più forte la nostra capacità di accoglienza e fratellanza.

L’aiuto economico – pur necessario e a volte indispensabile – non può essere disgiunto da questo forte impegno di conversione del proprio cuore e del proprio stile di vita. L’unione spirituale è una dimensione non secondaria della “adozione”. Dai vari luoghi sostenuti ci giungono costanti le rassicurazioni della preghiera dei bambini e degli adulti, qualunque sia la loro religione, per tutti i benefattori. E siamo certi che lo stesso avvenga in senso inverso. Anche per questo si insisteva molto nei primi tempi affinché la quota per le “adozioni” venisse versata mensilmente e non una volta per tutto l’anno. I costi postali o bancari ben giustificano (anzi incoraggiano) il versamento unitario della quota, ma è importante evitare che diventi una specie di canone della luce o dell’acqua, bensì sia sempre un’offerta ricordata e pensata.

Le molte richieste che ci pervengono da tanti luoghi e il costante innalzamento dei costi che si registra ovunque, ci ha però indotti a riflettere anche sulla dimensione economica della nostra iniziativa. Pur consapevoli dei notevoli sacrifici con i quali molti benefattori si mantengono fedeli all’impegno assunto ormai da molti anni, osiamo chiedere, ove è possibile, di innalzare l’offerta mensile da 16 a 20 euro. Da parte nostra e di tutti i missionari che raggiungiamo in tanti luoghi del mondo possiamo assicurare che ogni euro viene impiegato per migliorare le condizioni dei bambini sostenuti e assicurare loro migliori opportunità di studio e, quindi, di lavoro e di positivo cambiamento delle vite loro e delle comunità.

autunno2016_2DONO ALLEGRIA – P. Pesce teneva molto che, ogni tanto, ad esempio a Natale o in altre feste, i missionari offrissero ai bambini sostenuti, oltre al necessario quotidiano, un piccolo dono per regalare anche a loro un po’ di quella gioia che troppo spesso viene loro negata. Sebbene sia sempre stata nostra cura coltivare questa idea vogliamo rilanciare l’iniziativa e invitare – nei limiti del possibile – a unire di tanto in tanto un’offerta straordinaria di 5 euro per un vestito nuovo, delle caramelle, un dolcetto, un semplice gioco… per regalare un sorriso e far giungere forte il nostro amore a ciascuno di questi piccoli.

 Scarica la newsletter completa! (formato PDF)

Estate 2016

DALL’INDIA AL MONDO…

UN GRANDE PONTE DI MISERICORDIA

Estate 2016_2

Praticare la misericordia significa avere il cuore di Dio, che “…risponde e si prende cura dei poveri, di coloro che gridano la loro disperazione, che ascolta e interviene per salvare, ispirando donne e uomini generosi. La misericordia non può rimanere indifferente davanti alla sofferenza degli oppressi, al grido di chi è sottoposto a violenza, ridotto in schiavitù, condannato a morte…” (Papa Francesco, Udienza 27 gennaio 2016)

Fu questa “misericordia”, di cui il cuore di p. Mario Pesce sj era pieno, che 35 anni fa lo ispirò a lanciare l’iniziativa delle “adozioni – borse di studio”. Da qui nacque il Gruppo India! L’obiettivo era rivolto all’India, ove era avvenuto l’incontro con tanti bambini bisognosi di tutto. Da allora il ponte di solidarietà si è andato sempre più allargando a tanti altri Paesi.

Il Comitato ha conservato il nome originario anche in occasione della sua trasformazione in onlus, ma i dati che emergono dal bilancio dell’anno 2015 confermano che – grazie al sostegno di tantissimi benefattori – l’aiuto ha raggiunto oltre 100 località in numerosi stati dell’India e almeno altrettanti luoghi in 30 altri Paesi del mondo: dal Pakistan, Bangladesh, Myanmar, Vietnam, Thailandia, Filippine… al Brasile, Argentina, Paraguay, con un’attenzione sempre maggiore all’Africa: Sudan, Camerum, Etiopia, Togo, Angola, Ciad, R.D. del Congo, Rep. Centroafricana, Tanzania, Malawi, Uganda, Madagascar, senza dimenticare alcune aree critiche dell’Europa e Medio Oriente.

Gli aiuti sono stati destinati per poco più di un terzo all’India e un altro terzo all’Africa.

torta2016

clicca per ingrandire

La destinazione delle risorse per tipologia di aiuto ha incluso la realizzazione e l’arredo di scuole, ma anche il contributo alla costruzione di casette. Una percentuale significativa degli aiuti è andata al settore sanitario col sostegno a dispensari e ospedali e a interventi per dare l’acqua: pozzi, cisterne, impianti di depurazione. Molteplici anche le iniziative in campo sociale (e in parte pastorale) attuate da religiosi e religiose e da noi appoggiate in vista della promozione e dello sviluppo. Una parte degli aiuti è andata a interventi di emergenza soprattutto nelle aree colpite da guerre o da calamità naturali.

Particolarmente significativo è il fatto che anche nel 2015 il “Gruppo India” è riuscito a mantenere le spese di gestione al di sotto del 10% delle offerte ricevute e dunque a inviare effettivamente a chi ha bisogno oltre il 90% di quanto generosamente ci viene donato.

Tanti gesti concreti di amore che sono la testimonianza migliore della “misericordia” vissuta insieme nel 2015, nei 35 anni di vita del Gruppo India e in quelli che verranno: vogliamo che siano per tutti, sempre più “segnati” dalla “misericordia” da accogliere e da donare. Grazie perché continuerete ad essere con noi.

 Scarica la newsletter completa! (formato PDF)

Natale 2013

 

 

 

Natale 2013!

La grotta di Betlemme ci insegna ad amare l’uomo, ogni uomo, ad amarlo di più se è debole, povero, piccolo.

Nell’avvicinarsi del Santo Natale contempliamo ancora una volta il mistero dell’incarnazione di Gesù, che è venuto a portare a ciascuno di noi il messaggio di amore.

Come papa Francesco non manca di ricordarci, Gesù ci ha insegnato che “il più grande comandamento è questo: l’amore!”.

Per noi del “Gruppo India” il Natale è legato alle origini stesse del nostro impegno: in questo tempo, ormai 33 anni fa, un gruppo di giovani dell’Istituto Massimo di Roma accolse l’invito di P. Mario Pesce sj di incontrare Gesù nei bambini dell’India trascorrendo con loro alcuni giorni di condivisione e servizio.

Da quel viaggio è nata l’iniziativa “ADOZIONE – BORSA DI STUDIO” fondata sull’amicizia sincera, il ricordo quotidiano, la condivisione materiale fra fratelli. Ormai tantissime organizzazioni promuovono – anche con grandi mezzi – iniziative simili, ma per noi è importante che all’aiuto materiale – certamente necessario – si accompagni un coinvolgimento personale, in spirito di vera solidarietà.

In queste pagine potrete leggere la testimonianza di uno di quei “ragazzi” che ha recentemente vissuto l’emozione di tornare in quei luoghi e constatare i grandi benefici che l’aiuto dei benefattori del Gruppo India ha recato alle intere popolazioni locali, migliorando di molto le loro condizioni di vita e di istruzione.

Rimane ancora molto da fare come emerge dall’altra testimonianza di chi ha da poco visitato le missioni che aiutiamo in Congo e Uganda, e dalle notizie che ci arrivano da altri Paesi africani. Dinanzi ai drammi umani, che coinvolgono soprattutto bambini che subiscono violenza e sfruttamento, che soffrono la fame, la miseria, l’ignoranza e l’abbandono, nessuno può tirarsi indietro, tutti siamo chiamati in causa e i cristiani più degli altri, perché nel volto di ogni bambino noi adoriamo quello del bambino Gesù, il volto di Dio.

In questo tempo in cui le migrazioni ci interpellano a tanti livelli, lo spirito di fraternità, che è a fondamento della proposta del Gruppo India, sia per noi un dono reso fecondo dalla ricchezza dell’incontro con l’altro e dalla solidarietà vera, fatta di risposta ai bisogni materiali e attenzione alla singola persona vicina o lontana. Questo aiuta tutti a recuperare la fiducia e a tenere sempre viva la speranza: come ha detto papa Francesco in visita al Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati “con l’accoglienza e la fraternità si può avere ancora un futuro” e ha continuato: “i poveri sono maestri privilegiati della nostra conoscenza di Dio; la loro fragilità e semplicità smascherano i nostri egoismi, le nostre false sicurezze, le nostre pretese di autosufficienza e ci guidano all’esperienza della vicinanza e della tenerezza di Dio, a ricevere nella nostra vita il suo amore, la sua misericordia di Padre che, con discrezione e paziente fiducia, si prende cura di noi, di tutti noi”.

Siamo perciò chiamati a riflettere e ad agire perché a tutti i livelli la persona umana sia rispettata, accolta, amata. Grazie a ognuno di voi per essere, insieme a noi, tra i poveri della terra. Il Dio-Bambino venuto a raccontarci il suo amore, ci renda sempre più capaci di riconoscerlo e ad accoglierlo in ognuno di loro.

A tutti gli auguri sinceri di Buon Natale e di un sereno Anno 2014 !

Scarica la newsletter completa! (formato PDF)